Sono un uomo dai confini labili

Da tempo non sono più semplicemente io, mi sento un noi. I miei confini di sono aperti. I miei organi sensoriali, intorpiditi dalla banalità culturale sono appena sufficienti a farmi capire che non basto più. Ora i miei organi di senso sono Raimon Panikkar, Moni Ovadia, Daniel Baremboim, Padre Zanotelli. La mia vita ha un più ampio senso della domanda fondamentale della vita. Il -chi sono io?- diventa un

 -chi siamo noi ?.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.