In quiete in mezzo al kaos

Cercare di restare in uno stato di quiete, senza doversi preoccupare delle ansie e psicosi delle persone con le quali si entra in contatto, è qualcosa che ti rende egualmente ansioso e psicotico. Diventi irritante e forse attiri irritazione. La tua quiete genera attrito perché è la posizione del palo in mezzo alle rapide di un fiume. E’ una strenua resistenza.
La dialettica fra psicotici -reali o percepiti tali- è abbastanza infruttuosa.
Potrebbe convenire un atteggiamento di amorevole pazienza o sprezzante menefreghismo? Il secondo atteggiamento non mi piace. Il primo è difficile da mantenere nella durata, almeno per me. La via è quella di negare la sussistenza di una contrapposizione dialettica. Ricercare nell’altro un modo per capire sè stessi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.