imparato da Kerouac “il fango della propria mente”

La scrittura creativa può essere imbarazzante da rileggere. Però è straordinariamente appagante. La pratico ogni giorno. Ho completato quaderni interi versando dalla mia stilografica boccette e boccette di inchiostro nero.

Ci scrivo cose che non pubblico e che non mostro ad altri. Scrivo parole che non vedrà nessuno, che non ascolterà nessuno. Non scrivo pensando d’essere un poeta in cerca di una carriera. Scrivo come se non dovessi più scrivere un minuto dopo, rinuncio alla seduzione di rivolgermi alle nazioni del mondo. Lascio perdere l’idea di essere un profeta con onore e gloria, la gloria della poesia.

Mi accontento del fango della mia mente, così fresco, lucido e morbido. Mi immagino una bimba o un bimbo che con i loro stivali gialli, ci saltano dentro felici.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.