Quando c’era Marnie

Quando c’era Marnie c’era la pioggia che io adoro, te ne parlo nell’audio messaggio nel quale leggo anche la mia poesia

Audio commento e lettura della Poesia AudioPoesia

Quando c’era Marnie – di Matteo F. Ponti

Da oggi vedo le fate

Ti ricordo

Confuso in un delirio febbrile, in vertigine, io che non ne soffro.

Le linee dei tuoi disegni si confondono e completano nella tua lunga chioma ingrigita e incoronata da un bel cappello di paglia.

Mi hai abbandonato

lo strappo mi ha tormentato il cuore, per secoli.

Tutto il mondo, per secoli, m’è parso ostile.

L’ho chiuso fuori oltre la baia, proteggendolo con insidiose e repentine maree.

Ma tu, Marnie, hai saputo spiegarmi il tuo abbandono.

Non è stato un tradimento, mai.

Il cielo c’altri m’han mostrato, non è cielo.

Il vero cielo è una notte stellata, una barca a remi che solca la laguna sciabordando silenziosa.

Forse una rana, un foulard rosso che galleggia.

Tu Marnie sei nella magia di una vita c’ho compreso e nessuno ha saputo spiegare.

Sorridi malinconicamente eppure trovo le origini della mia gioia speranzosa.

Ho riposto in un cassetto le tue parole ed ho disegnato il tuo viso, così simile al mio.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.