Leggere

Leggo,
ascolto la tua voce che narra,
come tu ascoltavi i personaggi,
come tu cercavi di trascrivere quello che dicevano,
poi sento la tua vita nella quale hai scritto,
la mia nella quale ho scelto il titolo fra gli scaffali d’una libreria,
sento la mia voce ripetere le parole,
a volte non sono neppure io, magari sono quello che fui.
Ai piedi dell’albero a leggere,
mi vedrai solo,
ma solo perché non sai del coro che accompagna la mia lettura.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.