l’una che fu

L’incanto del tuo viso

non sarebbe minore

se anche si sciogliesse nelle placide correnti dell’Adda.

Continuo a vederti ammiccare.

Nuoti contro corrente e sembri immobile.

Il passato ti viene incontro.

Dal flusso scegli il tuo nutrimento.

Ti guardo ammirato innamorato.

Non sono capace di nuotare,

quindi pochi metri basteranno a tenerci lontani.

Scende la sera e ti perdo di vista,

tu indistinta mentre la luna si prende la scena.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.