vivere di poesia

Il poeta vive di poesia
talvolta ci ricava soldi,
ci trova il respiro di sicuro.

Dal canto del gallo a quello della civetta
forse pure oltre
si piega
trapassa come un asse da nord a sud tutta la quotidianità,
non tralascia dolori e gioie
sente tutto.

Qualche profezia, mai catechesi.
Nessun enigma,
il suo ruolo è inviare messaggi e farli capire
con le orecchie di chi ascolta.
Messaggero e seduttore senza mai tradire nulla e nessuno,
mai per compiacere le profondità dell’ego o le sue bassezze.
Sempre alti,
se terreni, sempre forti.

C’è poi la voce.
Si quella deve sentirsi alta, forte, di terra e cielo.
Senza temere biasimo, senza mostrare pudore o terrore.
Poetare significa essere poeta, mettere le mani nella terra,
incrostare le unghie e dormire senza materasso. Magari sul cemento o magari sulle nuvole.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.