senza consiglio

Avevo bisogno di consigli,

li cercavo come come il vento con le foglie d’autunno,

senza tregua.

Li ho ricevuti ed accettati,

ma con senso di colpa,

tanto da udire solo quelli più insulsi,

provenienti dalle fonti meno importanti,

dai pettegolezzi della strada,

dai messaggi senza firma.

Mi sono scordato di pensarci,

finché un giorno ho trovato,

un piccolo grillo,

con una zampa spezzata.

Mi guardava,

chiedeva un aiuto che non avrei mai potuto dargli,

l’ho raddrizzato come meglio potevo,

era l’imbrunire,

al mattino qualche uccello lo avrebbe ghermito.

Mi guardava e sapeva,

che da me nessun consiglio avrebbe portato alla sua salvezza,

benché io potevo rappresentarla.

Come per lui,

la vita altrui troppo spesso m’ha ghermito,

ed io ho accettato,

avendo scelto di azzopparmi per non scegliere di provare ad agire da solo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.