occhi curiosi

Le fondamenta –

solide sotto di noi-

forse non lo sono abbastanza

per carichi sempre maggiori.

Abbiamo sempre creduto avessero resistenza infinita

o forse non ci fossero carichi inattesi.

Ora piovono pietre invece che fiocchi di neve,

cenere e non pollini.

I tetti cedono.

tutti cedono e non credono più.

Il sottosuolo si scuote, si solca di voragini

-quando svanisce il supporto alla superficie.

Immensi iceberg si sfaldano anche quando sembravano granito

-si affidano alle correnti in direzione d’un equatore

che mai raggiungeranno.

Nonostante uno sconfinato pessimismo

io penso a chi mi guarda sperando di non vedervi panico.

Allora dico che bisogna considerare il consueto

come assoluta novità

tornare a vedere con occhi curiosi.

Non avere fretta di cambiare e progredire col metro del denaro.

Conquistare il coraggio di ammettere

-dove ho sbagliato

sono io quello che ne ha responsabilità.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.