finalmente libera

Quando ti guardavi allo specchio,

vedevi un viso di bambola,

-che indossavi per muoverti.

Ma in te c’era il rifiuto,

-perché gli altri ti preferivano bambola,

tu volevi fuggire -ma non sapevi dove.

Provasti una prima volta,

per poi tornare mite a guardarti nello stesso specchio delle illusioni.

Provasti ancora,

-fuggisti ma con l’intenzione di dimostrare quanto fosse vano e doloroso farlo.

La ragione o presunta tale,

ti ricondusse allo specchio,

docile e domata.

Ma un dolore sordo giaceva ancora in te.

Qualcosa che ancora non conoscevi

-anche se sapevi che in te la fuga scuoteva ancora le catene.

Queste catene le vide qualcuno fra quelli che amavano il tuo viso di porcellana.

Di fronte al bivio della vita,

con te che tenevi la solita maschera in mano,

pronta a indossarla,

ti disse

“non metterla, scelgo e vivi come farebbe chi ha levato la maschera, è fuggito ed ora torna per non fuggire più”

Tu capisti,

era il tempo per una nuova versione di te,

quella che mai aveva avuto diritto di scelta.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.