la tartaruga

La tartaruga un giorno decise di fermarsi.

Aveva viaggiato senza sosta per anni.

Si voltò indietro.

Senza muoversi più

e guardando l’orizzonte,

si mise a ricordare.

Le deviazioni non seguite,

Le deviazioni ben presto abbandonate,

Le deviazioni piacevoli e quelle spiacevoli.

La sola retta via seguita,

giunta fino alla sosta,

deviava da tutte le deviazioni.

Era giusta la strada ?

Era stata tracciata in quale momento?

La tartaruga non riusciva a ricordare la scelta decisiva quale fosse stata.

Aveva seguito il sole per cercare energia,

aveva seguito la luna e le stelle per cercare ispirazione,

aveva cercato l’acqua per resistere alla fatica,

l’erba per sentire il fresco,

la pioggia per ripulirsi dalla malinconia.

Così era arrivata nel luogo dove

Il futuro che gli si parava innanzi

era qualcosa che non avrebbe più potuto raggiungere,

partendo dal passato in cui stava

-la distanza percorsa era ormai troppa

-lunga una vita.

Resto ferma ancora un poco.

Mentre il sole tramontava,

ricominciò a muoversi.

Cominciò un nuovo viaggio,

-inseguendo la brezza

-per trovare una forza grande e universale,

come la gravità dell’amore.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.