La sera

Alle mie parole manca la musica.

Alle mie immagini manca il cinema.

Mi manca una brezza, leggerezza, spensieratezza.

“devo partire!”

Ho raccolto due cose.

Scarpe comode.

All’imbrunire

avviandomi nella sera lunga nell’artico.

con la coperta scura sulle spalle.

Reputavo che storie nascoste, distrutte o semplicemente dimenticate,

mi potessero spiegare, dispiegare, smetter di piegarmi.

Le scelte che furono forse sanno scompaginare il destino.

Ma ora siedo al fiordo,

con il sole che ha deciso di alzarsi dall’orizzonte.

Ho tutte le storie in mano.

Ma sono musiche e film scritti e girati da altri,

con spartiti, testi e copioni che non avrei condiviso,

appartengono a loro.

Nulla è mio, più di quanto lo sia il sole,

o il sorriso tuo.

Piovono lacrime ma non è piangersi addosso.

Nascono fiori e riempiono pozzanghere per saltarci dentro.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.