L’ Era di Marzo

Dopo il collasso,
andremo a spasso,
sotto una nevicata di fior di ciliegi,
una nebbia di profumi.

Marzo è durato un millennio,
per alcuni molto molto meno,
per me troppo troppo poco.

La testa sprofondata in un cuscino di muschio,
per trattenere in silenzio il respiro.
Arriva il suono tumultuoso del torrente che reca parole.
Sorriso.
Le porte.
Regina.
Scoperta.
Volontà.
Volo.
Collasso.
Corsa.
Insensato.
Nella vallata,
verso il torrente,
ti vedo ferma che annusi resina di larice,
dalle assi del ponte,
sei lontana,
ma è ben visibile il tuo sorriso.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.