la mia casa più cara

In quella casa chi sarà restato?
forse quel gatto che non si è più trovato.
Casa di legno vicino al fienile.
Sotto la botola stavano i formaggi ed i topini,
a profumarsi di fumo.
Prati precipitavano a valle dalla cornice di una finestra.
La tua mano sapeva di panna umida e morbida.
Parole, canti e risa.
Tutto ciò è qui ed ora.
Allora, tutto ciò non lo sapevo casa.

Ora di certo non esiste più,

o peggio finge di saper riflettere i ricordi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.