progetti inconcludenti

E se ne andò come se n’era arrivata.

solo alla rovescia, per così dire.

Era un giorno di pioggia

dalle gocce in caduta libera sui vetri

che deformavano e confondevano il paesaggio all’infuori

era emersa la sua immagine e poi si era seduta al suo fianco.

Nelle interminabili ore, giorni e mesi

di sosta

in quella specie di caravanserraglio

nel quale nessuno più giungeva

lavoravamo.

Immaginavamo futuro

senza entrar troppo nei dettagli

soffermandosi sulle ipotesi più belle

ma solo in alcuni aspetti di esse

particolari.

Un giorno la pioggia smise di cadere

la vidi allontanarsi

prima e poi

sparire nell’indistinto disegno delle ultime gocce che scivolavano sul vetro.

Se ne andò come se n’era arrivata.

solo alla rovescia, per così dire.

Rimasi li, come appena sveglio

a cercar di capire se avessi dormito troppo a lungo

mancando la sveglia.

Mi alzai cercando una ciabatta.

La solita.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.