poesia di Rebecca Elson tradotta da Matteo F. Ponti

Ritorniamo,
come fa la Terra nello stesso punto nello spazio,
scivoliamo dolcemente nella consolante dissoluzione,
lasciandoci consumare dalle fiamme,
banco di tonni,
coppia di polli,
ed un Pioppo di montagna con il suo muschio.
Tremolio di scintille che passa sfiorando il lato oscuro della Terra.
Un brivido che rivela i preparativi per un altro viaggio.
Le nostre bolle fragili,
fluttuano curiose e mute,
fischiettando per farsi coraggio,
verso quel lago nero che ribolle di luce,
verso la notte elegante.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.