E allora ho ripensato alla speranza contenuta in quei nitidi cieli d’aprile in
cui l’uomo aveva dato tregua alla Natura. Ciminiere spente, autostrade
vuote, transatlantici fermi, aerei a terra, canti ai balconi, libertà di sognare
un domani diverso. Nonostante la tragedia in atto, quanta gioventù, quanta
bella energia rivoluzionaria erano contenute in quella visione! E così,
quando il cielo si è nuovamente richiuso, portandosi dietro le sue allerte
meteo e facendo calare un grigio sipario su tutto, l’angoscia del futuro ha
rifatto il nido in me. Sentivo che la memoria di quell’ammonimento
irripetibile rischiava di esaurirsi in miliardi di tweet e cadere nel vuoto
senza diventare azione, per totale latitanza della politica. Ci stavano
spingendo di nuovo in un obbediente letargo, per farci diventare delle
ombre.”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.