Poesia di Rebecca Elson, traduzione dall’inglese, di Matteo F. Ponti, a seguire testo originale

Noi astronomi siamo dei nomadi,
ambulanti, gente da circo,
ogni luogo è il nostro accampamento.

Siamo industriosi,
generiamo entusiasmo,

onoriamo la nostra responsabilità, di stupire.

Ha fatto molta strada l’universo.
Talvolta, lo confesso,
il baluginio delle stelle,
m’è accecante,

e come la luna
piego il mio viso verso terra,
verso quel piccolo non nulla ove ogni piede poggia,
prima che si appoggi,
e io scordi di far domande,
dedicandomi a contar le cose.

*******

We astronomers are nomads,
Merchants, circus people,
All the earth our tent.
We are industrious.
We breed enthusiasms,
Honour our responsibility to awe.
But the universe has moved a long way off.
Sometimes, I confess,
Starlight seems too sharp,
And like the moon
I bend my face to the ground,
To the small patch where each foot falls
Before it falls,
And I forget to ask questions,
And only count things.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.