Appannato da una foschia,

afa opprimente,

sudario insalubre,

attendo si dissipi.

Poi arriva un sole feroce,

bollente.

La palma che ammiravo per decenni,

è secca pure se par florida,

è una palma di plastica.

Tempo perduto a rimirar la plastica creatura, tenendo fra le mani uno sbuffo di vapor acqueo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.