Una montagna di particolari

una parola gentile

I bambini sono abituati a un flusso continuo di critiche e lodi, ma gli adulti possono passare settimane senza complimenti mentre sopportano le critiche sia al lavoro che a casa.

Gli adulti, noi adulti, nonostante tutto, desideriamo tanto una parola gentile. Impariamo a dispensarne ogni tanto qualcuna.

Se riflettiamo su quanto sia importante e potente, sul piano motivazionale, un’elogio onesto (no la piaggeria, l’adulazione o le frasi da leccac***), ci rendiamo conto che, quando ci verrebbe di farne uno, trattenerlo rasenta l’immoralità.

Se vedi un gesto, ascolti una parola, che ti impressiona, un dignitoso rispetto per l’umanità richiede che tu esprima la tua lode. Una tua parola gentile.

essere esseri umani

Siamo esseri viventi che a miliardi, non sanno vivere in solitudine. Salvo rarissime eccezioni. Amiamo circondarci di persone ed anime affini alla nostra, almeno crediamo lo siano. Per questa stessa ragione, detestiamo altri gruppi di anime fra loro affini. Siamo creature sociali e nemiche del sociale, allo stesso tempo. La nostra comunità non è il mondo, è il nostro villaggio.
Siamo esseri viventi che a miliardi, contano il trascorrere delle stagioni. Salvo rarissime eccezioni, siamo tutti vittime dell’incantesimo del tempo. Abbiamo fretta, rimpiangiamo il passato, temiamo o idealizziamo il futuro. Abbiamo il tempo che ci tiene in catene.

Siamo esseri viventi che a miliardi, desiderano ciò che non hanno o desiderano più di ciò che hanno o odiano ciò che hanno. Abbiamo davanti ai nostri occhi sempre la mela proibita, il paradiso che ci viene promesso se sapremo resistere al desiderio. Abbiamo il desiderio ed il senso di colpa che ci tengono in catene.

Quale libertà abbiamo se temiamo di uscire dal nostro villaggio, se non sappiamo quanto tempo abbiamo davanti e se ogni desiderio diventa paura ?

Inizio antipoetico

Non c’è poesia

che sappia dir poesia

di ciò che già è.

che almeno sia la volta buona

Libera traduzione dal blog di Stefano Boscutti https://newoldage.substack.com

La vita è già abbastanza dura, non serve che tu te ne affligga per renderla peggiore.

Sii gentile con te. Interrompi qualsiasi pensiero ansioso o negativo chiedendoti: “E se le cose si risolvessero?” E se il mio impegno fosse ripagato? E se tutto andasse per il meglio?’

Queste domande sono valide ovunque tu stia andando o qualunque cosa tu stia facendo. Se stai facendo una gustosa colazione, se stai vivendo una crisi esistenziale, se stai facendo un trip con i funghi. Divertiti e che sia la volta buona.

Breve lista di lunga vita

Libera traduzione dal blog di Stefano Boscutti https://newoldage.substack.com

Ecco breve lista con suggerimenti per aumentare la funzione cerebrale, eliminare le infiammazioni e vivere una sana e lunga vita.

  • Limone – in acqua calda come prima cosa al mattino
  • Caffè: un doppio espresso un paio di volte al giorno, se dalla macchinetta, procurati una ciotola in vetro o acciaio e non lasciare che coli dentro orrendi bicchieri di plastica.
  • Bacche: da due a tre porzioni a settimana (bacche di goji, more, gelsi, mirtilli)
  • Omega-3 — da due a quattro porzioni a settimana (sardine, sgombri, acciughe, salmone, aringhe)
  • Verdure a foglia scura e verdure crocifere — da quattro a otto porzioni a settimana
  • Olio extravergine di oliva o di riso, puoi metterlo ovunque
  • Noci: mezza manciata di tanto in tanto
  • Tè verde — preferibilmente matcha
  • Cioccolato fondente: almeno il settanta percento di cacao

Oh, e non dimenticare di praticare il digiuno, fare esercizio ogni giorno e sollevare pesi.

Vivi a lungo ed in prosperità.

the others

-poem by Mariangela Gualtieri in my personal translation

The others are too many, for me.

I have a hermit heart.

Kneaded with silence and wind, me.

I am primordial.

Inizio di sufficienza

La tazza piena,

ora come allora,

ma più piccola.

Inizio mai VIsto prima

Un moVImento

distende il groVIglio

in un momento.

Inizio fantasma

È la dignità,

s’aggira per l’Europa,

come fantasma.