tic tac

Tic e poi tac

lungo il viale

suona il passo di marcia

dei soldatini di ferro.

S’avvicinano

chiama il capufficio

le mie poesie si comprimono in un angolo

i podcast diventano monosillabici.

Tic e tac

arrivano dei soldini

non erano soldatini

servono a far funzionare il tic tac.

Speravo in una magia

che cambiasse il mondo

senza il mio aiuto

in uno diverso

esattamente coincidente con un mio sogno

ma quale poi?

Invece Tic Tac.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.